6 idee per una gita fuori porta fra Toscana e Lazio: i borghi da non perdere

Con l’arrivo della primavera niente di meglio che andare alla scoperta dei borghi d’Italia, terra ricca di paesini gioiello che si sono meritati la bandiera arancione del Touring Club Italiano. Tra le regioni con il più alto numero di bandiere arancioni ci sono Toscana, in prima posizione, e Lazio alla quinta.

I borghi più belli della Toscana

San Gimignano e le torri medievali

Amata dai turisti di tutto il mondo, San Gimignano dista 60 km da Firenze ed è dominata dalle torri medievali che si stagliano nel cielo. In origine erano 72, una a famiglia benestante, adesso ne rimangono 13. Perdersi per i suoi vicoli di mattoncini rossi è un must per poi fare sosta in piazza del Duomo, dove si affacciano la Torre Grossa, il Comune e il Museo Civico. In piazza della Cisterna, che prende il nome dal pozzo ottagonale situato al centro, si può assaggiare un gelato della pluripremiata Gelateria Dondoli. Da non perdere una visita al Duomo e alla cappella di Santa Fina e, per un bel panorama, la Rocca di Montestaffoli.

Toscana e Lazio - i borghi d'Italia
San Gimignano

Bagno Vignoni, terme e relax

Situato in Val D’Orcia, il paese di Bagno Vignoni sorge in prossimità della via Francigena ed è famoso per le sue acque termali. Al centro del borgo, in piazza delle Sorgenti, una caratteristica vasca del 1500 contiene acqua termale che sgorga dalla sottostante sorgente naturale e regala una scenografia suggestiva grazie al riverbero delle case e del cielo che vi si specchiano. Le terme libere sono nel Parco dei Mulini, con acque che raggiungono una temperatura di 39°C. L’altra possibilità, è l’accesso al complesso termale privato.

Toscana e Lazio - i borghi d'Italia
Bagno Vignoni

Pitigliano e le cave di tufo

Dall’alto della sua posizione, sopra una rupe di tufo, Pitigliano è in provincia di Grosseto e sembra salutare da lontano i turisti che percorrono la strada di accesso al borgo. Chiamata anche Piccola Gerusalemme per la comunità ebraica insediatasi nel XVI secolo, Pitigliano ha un’atmosfera magica. Da vedere il ghetto ebraico, la sinagoga e l’acquedotto mediceo. Da non perdere la visita alla vie cave, antichi percorsi a cielo aperto scavati nel tufo dagli etruschi, utilizzati come via di comunicazione e difesa, dove sono conservate tombe e incisioni etrusche e amuleti scaccia diavoli di origine medievale.

Toscana e Lazio - i borghi d'Italia
Pitigliano

I borghi più suggestivi del Lazio

Civita di Bagnoregio, dove il tempo si è fermato

Direttamente uscita da un libro delle favole, Civita di Bagnoregio, in provincia di Viterbo, è chiamata la città che muore a causa del progressivo crollo delle pareti perimetrali. Situata sulla vetta di un colle tufaceo, sottoposto a un’erosione costante, è infatti collegata alla terra da un unico ponte di cemento armato che conduce al borgo solo a piedi. Dal paesino si aprono scorci panoramici sulla vallata e sui calanchi. Si paga una tassa di entrata: dal 1 aprile al 31 ottobre 5 €; in bassa stagione 3 € dal lunedì al venerdì e 5 € sabato, domenica, festivi e prefestivi.

Toscana e Lazio - i borghi d'Italia
Civita di Bagnoregio

Subiaco, ai piedi dei Monti Simburini

Situato in uno sperone di roccia calcarea, Subiaco è un incantevole borgo a soli 70 km da Roma. Domina dall’alto la Rocca Abbaziale, un edificio di origine medievale costruito nell’XI secolo e ampliato nei successivi, dove si narra sia nata Lucrezia Borgia. Meritano una visita i due monasteri benedettini di Santa Scolastica e San Benedetto, luoghi d’arte e di pace. Lungo la strada che dai monasteri porta a Subiaco sono visibili i resti della villa di Nerone.

Toscana e Lazio - i borghi d'Italia
Monastero di San Benedetto

Arpino, la città di Cicerone

Celebre per aver dato i natali a Cicerone, Arpinio sorge su una collina circondata dalla Media Valle del Liri, traboccante di uliveti secolari. Da visitare il palazzo del Cavalier d’Arpino, il palazzo municipale e il castello Ladislao, costruito nel 1269 da Ladislao D’Angiò Durazzo, che oggi si presenta con l’aspetto di un palazzo. L’acropoli, cuore antico di Arpino, chiusa dalle mura megalitiche, sovrasta il centro storico: è qui che si erge la torre a pianta quadrangolare di Cicerone.

Toscana e Lazio - i borghi d'Italia
Arpino
Francesca Pallecchi
Redattrice

Tra un post e l’altro mi diletto con qualche concertino, un buon libro e un pizzico di meditazione. Ma niente mi rende più felice di viaggiare per il mondo zaino in spalla. Il mio motto è: l’importante è partire!

 

Leave A Reply