Impresa alberghiera e sociale insieme in Myanmar per la lotta alla povertà

Oggi ti raccontiamo una storia. Una storia a cui abbiamo preso parte come gruppo alberghiero FH Hotels e che dall’Italia arriva fino in Myanmar, grazie ad un progetto di ActionAid. È un progetto di accoglienza turistica a gestione locale, per la creazione di una guest house che si specchia nella splendida diga Yin Taing Taung. La struttura ricettiva garantirà ai 1.200 abitanti dei villaggi circostanti, che vivono in condizioni precarie, un’indipendenza economica.

Il sorriso ai bambini non manca nonostante la lotta alla povertà in Myanmar

Vogliamo fare la differenza tra un sogno ed un obiettivo

Abbiamo scelto di aderire al progetto con una donazione che ci vede impegnati per tre anni. Perché? L’etica e la correttezza sono dei valori molto forti in cui ci identifichiamo, non solo come gruppo FH Hotels, ma come persone. Ogni giorno le nostre scelte di gestione imprenditoriale, sono guidate anche da considerazioni etiche, sociali e ambientali.

Dal 1955 abbiamo la proprietà e gestione di quattro importanti strutture alberghiere nelle città di Firenze e Roma. Oggi, abbiamo scelto di aiutare le quattro comunità della diga Yin Taing Taung, affinché riescano a costruirsi un’importante fonte di autosostentamento proprio a partire dall’accoglienza turistica. Quell’accoglienza che è il fulcro della nostra attività. Quell’accoglienza che per noi significa anche relazione umana.

Ma partiamo con ordine. Perché il Myanmar?

Da una ricerca del Global Adaption Institute il Myanmar è il secondo paese al mondo più esposto a calamità naturali. Nella regione arida di Magway, oltre 1.200 persone vivono di sola agricoltura, con carenza di servizi di base e difficoltà di accesso al mercato.

Il progetto di accoglienza turistica di ActionAid fondamentale per la lotta alla povertà nell'area

La zona offre anche paesaggi di straordinaria bellezza che, insieme al cambiamento politico in atto, stanno spianando la strada alla nascita di un turismo di nicchia. In questo contesto, ActionAid ha deciso di sostenere lo sviluppo di un turismo a gestione locale, per offrire alle comunità rurali un mezzo di sostentamento economico alternativo all’agricoltura. Come? Con la costruzione di una guest house dove i turisti possano vivere un’esperienza indimenticabile.

Cos’è il turismo a gestione locale?

Ti piacerebbe fare un’esperienza autentica a stretto contatto con le popolazioni locali? immagina di addormentarti nella guest house che si affaccia sul meraviglioso specchio d’acqua della diga Yin Taing Taung. Di sentire il rumore del vento che spira tra le canne di bambù e le foglie di palma, con le quali sono costruite le stanze.

Di svegliarti la mattina contornato dai sorrisi delle persone e dei bambini che vivono nel villaggio. Assaggiare il cibo locale nella sala da pranzo degli ospiti, partecipare alle attività delle comunità; tutto nel rispetto della cultura tradizionale, delle strutture sociali e della sostenibilità ambientale.

Lotta alla povertà in Myanmar sviluppando turismo a gestione locale
Abitanti della guest house nei pressi della diga Yin Taing Taung

Questo è un esempio di turismo a gestione locale: un turismo che mette al centro la comunità del luogo, coinvolgendola in prima linea nello sviluppo, controllo e gestione del progetto di accoglienza turistica, con la sicurezza di una gestione diretta anche delle entrate economiche.

Se ti abbiamo incuriosito, continua a seguirci sul blog e ti mostreremo, passo per passo, le varie fasi di avanzamento del progetto. Soprattutto ti spiegheremo come potrai entrare a far parte di questa bella storia.

 

Francesca Pallecchi
Redattrice

Tra un post e l’altro mi diletto con qualche concertino, un buon libro e un pizzico di meditazione. Ma niente mi rende più felice di viaggiare per il mondo zaino in spalla. Il mio motto è: l’importante è partire!

 

Leave A Reply